Sei in: 

Scajuèzzuli cu lu scileppu

01/03/2006
Dolce povero della tradizione contadina salentina, veniva venduto soprattutto in occasione delle fiere di paese e delle feste patronali come quella di San Gregorio a Manduria. Sono previste due varianti, una con cacao e l’altra senza.

INGREDIENTI (pasta):
Farina:  1 kg
Uova:      4
Zucchero: 300 g
Pane degli angeli:  1 busta
Ammoniaca: 1 busta
Chiodi di garofano-cannella in polvere: q.b.
Arancia spremuta
Latte caldo: q.b.
Olio extra vergine: 1 bicchiere


PREPARAZIONE:
Impastare la farina con tutti gli ingredienti, mettere al centro dell’impasto l’ammoniaca ed il pane degli angeli versandoci sopra il latte tiepido; continuare ad impastare fino ad ottenere un impasto omogeneo. Formare delle palline  e sistemare in una teglia ricoperta da carta da forno.
Infornare a 180° per 30 minuti circa. Una volta cotte passarle nello “scileppu” una per volta decorando con un po’ di codette.





INGREDIENTI (scileppu/glassa bianca)
Acqua:  12 cucchiai
Zucchero: 500 g
Albumi d’uova:  2
Succo di limone


PREPARAZIONE (glassa):
Versare i 12 cucchiai di acqua in una pentola sul fuoco fino a farli bollire; aggiungere a questo punto lo zucchero e cuocere a fuoco basso, girando il tutto con un cucchiaio di legno. A parte, montare a neve gli albumi d’uova in una coppa di ceramica ed aggiungere  gradualmente lo sciroppo ottenuto prima e già cotto.


ABBINAMENTO CONSIGLIATO:
MADRIGALE:
Primitivo di Manduria Doc