Sei in: 

Fichi 'Ccucchjati (fichi «accoppiati»)

01/11/2010
Antichi quanto la storia, i fichi sono un elemento base dell’alimentazione dei Greci che durante un giuramento, chiamavano a testimoni: «le divinità, la patria, il grano, l’orzo, le vigne, gli ulivi […] e i fichi».
Disprezzati per molti anni, perché considerati alimentazione povera, oggi, i fichi secchi sono una delle delizie culinarie, presenti negli scaffali delle botteghe di specialità tipiche salentine e sono venduti a peso d’oro. Il fico era uno degli elementi base della dieta contadina, sia perché la pianta fruttifica facilmente (e in modo relativamente veloce) sui terreni aridi, tipici delle nostre zone, sia perché il frutto si può conservare senza molti problemi. Esso rappresenta un’ottima riserva energetica, sfruttabile durante i mesi invernali.

Per la conservazione è necessario seccare i fichi tramite esposizione al sole, dopo averli “spaccati” (aperti in due metà), vengono poggiati sopra lu cannizzu, un graticcio di canne e giunchi intrecciati. Dopo la fase di essiccazione, i fichi possono essere cotti in forno ‘ccucchjati, ossia accoppiati, farcendoli all’interno con mandorle tostate, con la cannella, con gherigli di noci e con pezzi di cioccolata, quindi infornati. Poi, vanno riposti a strati con semi di finocchio e foglie di alloro in capase - contenitori di terracotta smaltata - e conservati per il periodo invernale.


ABBINAMENTO CONSIGLIATO:
MADRIGALE Oro Dolce Naturale
Vinificazione: in rosso con termocondizionamento del processo fermentativo. Affinamento: in bottiglia. Colore: rosso intenso con evidenti riflessi porpora sull’unghia. Profumo: intenso, deciso, ricco di note di frutti rossi maturi come l’amarena; arricchito elegantemente da sentori di frutta secca, datteri e fichi secchi. Sapore: dolce, caldo ed avvolgente. Temperatura di servizio: 10° - 14° C. Abbinamento consigliato: esprime la sua pienezza abbinato a scaglie di cioccolato fondente e tipica pasticceria secca. È presentato in bottiglia da 500 ml. Firmato Produttori Vini Manduria.